Elementi fondamentali

Voti e precetti
Nel sentiero buddhista Vajrayana un praticante può decidere di richiedere al proprio Maestro una determinazione maggiore, un potenziamento della pratica stessa al fine di poter, conseguentemente, migliorare ed innalzare le energie mentali ed i processi di trasformazione positiva del proprio karma. I primi voti sono quelli di Rifugio, che sono stati istituiti dal Buddha stesso nel contesto del Suo Insegnamento.

Guru Puja
Detto anche Lama Ciöpa (in tibetano) significa letteralmente «rituale di offerta al guru» e si può considerare come un lungo rituale di preghiera e meditazione scritto dal grande Panchen Lobsang Ciöky Ghialtzen nel XVII secolo.Le melodie con cui la si recita furono composte da Ghyalwa Ensapa, detto lo «Yogi Veloce» per la rapidità con cui ottenne l’illuminazione.

Mandala di Borobudur
Il lignaggio Ngal-gSo si lega in modo molto stretto con il mandala di Borobudur in Indonesia. Perché è così importante questa connessione? Semplicemente perché la pace che emerge come insegnamento dal Mandala di Borobudur è, come tutti gli insegnamenti Ngal-gSo, il miglior fondamento per creare, nelle persone e nell’ambiente la pace interiore che contrasti la cultura della violenza e dell’aggressività nel mondo.


Insegnamenti nella visione NgalSo

Tutti gli insegnamenti proposti dall’Associazione vengono trasmessi sotto la visione Ngal-gSo, un gter.ma, un tesoro tantrico di autoguarigione trasmesso dal ven. Lama Gangchen Tulku Rinpoche, che si compone di due termini tibetani:
– Ngal, che si riferisce genericamente a tutti i problemi di inquinamento, disarmonia, sofferenza e malattia;

– gSo, che si riferisce a come si possa ristabilire, guarire e purificare l’energia vitale.

Sono quindi due profondi aspetti contrapposti, ma facenti parte della stessa realtà, che si trovano nel primo insegnamento che Buddha Shakyamuni diede con la motivazione di aiutare la gente ad estirpare la sofferenza: nella trasmissione delle Quattro Nobili Verità troviamo difatti le prime due verità che si riferiscono alla necessità di abbandonare le cose negative (Ngal), mentre le altre due si riferiscono alla necessità di accogliere le esperienze positive (gSo).
Il Centro propone altresì un’attività continuativa per tutti i mesi dell’anno basata su programmi di insegnamenti mensili, annuali o pluriennali basati su percorsi che permettono l’approfondimento di testi da parte di studenti con diversi interessi e/o predisposizioni. Per esempio, il commentario del testo “Buddhacarita” del poeta e yogi Asvagosha, l’insegnamento e la pratica meditativa connessa.
Gli insegnamenti sono intesi dai Maestri del Centro non in chiave letteraria o meramente filosofica, ma nell’ambito di un percorso di crescita individuale e collettivo, una trasformazione concreta delle afflizioni mentali e delle tendenze negative (odio, attaccamento e ignoranza) che rendono pesante e opprimente la nostra e l’altrui esistenza.
E’ possibile anche riprendere la continuità di un insegnamento specifico (se lo si è perso) richiedendo la registrazione audio e video. Inoltre vengono predisposti, con il lavoro dedicato da praticanti, i cofanetti completi di DVD afferenti agli insegnamenti trasmessi dai Maestri del Centro.

 

Il Rabne Cenmo – Maggio 2017

Dharma e Creatività

I Ventuno aspetti di Buddha Tara


 

Yamantaka

Autoguarigione NgalSo


 

Insegnamenti sulla Morte

Buddha della Medicina


 

A-Ser

Prajnaparamita


 

Dodici Anelli di coproduzione interdipendente

Otto percorsi di pace e conoscenza


 

Kalachakra

Autoguarigione per l’ambiente


 

Lo yoga della natura di spazio dell’elemento acqua

Le sei perfezioni


 

Buddhacharita

Manjushri Nero


 

Addestramento Mentale in 7 punti

Scinè e Langktong


 

Sillabe Seme

I tre aspetti del sentiero


 

Vajrasattva

Medicina mongola


 

Serate di Meditazione

Melodie per la mente