Il focus del terzo week end del corso «Meditazione, comportamento e alimentazione», di Lama Dino Cian Ciub Ghialtzen: consigli pratici per affrontare correttamente il periodo invernale, secondo la Medicina tibetana.

Il comportamento secondo la Medicina tibetana: cosa è bene fare e cosa no.

La Medicina tibetana, in quanto trasmessa dal Buddha della Medicina, è fondata sull’aspetto spirituale. Ogni capitolo dei preziosi «Quattro Tantra» (testo fondamentale dello studio della Medicina tibetana) non tratta infatti soltanto gli aspetti basilari di questa scienza, come l’anatomia, la fisiologia e il funzionamento degli organi, ma descrive una sequenza di relazioni specifiche tra l’energia che sostiene un particolare organo e gli aspetti mentali, karmici, astrologici e profondi dell’essere umano. Questo fa sì che il modo di vivere preso in esame sia fortemente improntato sulla pratica spirituale, in ogni momento della giornata.
In questo vasto panorama di temi trattati, una grandissima importanza ha il comportamento, che ricopre ben tre capitoli del «Tantra Esegetico». Cosa significa avere un «corretto comportamento»?
Non si tratta di regole di bon-ton: al giorno d’oggi, queste preziose istruzioni, potrebbero farci quasi sorridere o qualcuno di noi potrebbe prenderle come fossero degli antichi principi non più usuali e praticabili... Invece, questa serie di sagge raccomandazioni, riflessioni e consigli, sono profondi insegnamenti tramandati nei diversi Lignaggi dei Lama tibetani e, per la saggezza contenuta, sono proprio adatti a noi perché utili nella vita di tutti i giorni.
La Medicina tibetana contempla tre livelli di comportamento:

  •  un comportamento quotidiano;
  •  un comportamento stagionale; 
  •  un comportamento occasionale.

Nella sezione che riguarda il comportamento quotidiano, non solo viene descritto in che modo svolgere le attività basilari quotidiane, come mangiare e dormire, ma viene anche delineata una consistente parte della giornata da occupare con attività spirituali (che dovrebbero ricoprire molte delle nostre ventiquattro ore).
Inoltre è anche preso in considerazione il comportamento sessuale, senza alcun tipo di caratterizzazione religiosa o dottrinale, ma con precise indicazioni, consigli educazionali, che spiegano che cosa sia l’energia sessuale e come può essere utilizzata correttamente, in quanto è una forma di energia personale che potrebbe  anche subire danni, se utilizzata impropriamente.
Il comportamento stagionale contempla i cinque periodi dell’anno e non solo le quattro classiche stagioni che conosciamo: vengono indicate le cure appropriate per accrescere l’equilibrio psicofisico e seguire l’alimentazione corretta per l’organismo.
Per concludere, l’ultimo grande capitolo tratta il comportamento occasionale: una serie di raccomandazioni che portano all’evoluzione personale tramite la comprensione di alcuni processi che si manifestano nel corpo.
Lama Dino Cian Ciub Ghialtzen ha studiato per molti anni Medicina e Astrologia tibetana sotto la guida del suo Guru Radice Lama Gangchen Tulku Rinpoche, grande Lama guaritore, e altri medici tibetani.
Nel weekend da 17 al 19 Dicembre, nel corso «Meditazione, comportamento e alimentazione - consigli pratici per affrontare il periodo invernale -»  offrirà a ognuno dei partecipanti la possibilità di conoscere questi aspetti per renderci sempre più consapevoli di come stiamo vivendo nel momento presente e di come possiamo migliorare le nostre giornate incrementando l’armonia interiore e la salute psicofisica.


Tags

alimentazione, benessere, buddha, buddhismo, buddismo, centro buddha della medicina, comportamento, dieta, energia, insegnamenti, inverno, karma, lama dino, mente, percorso, proteggere, rimedi stagionali, stagione


Ti potrebbero interessare anche questi articoli

Le pratiche preliminari

Le pratiche preliminari