Il programma di Dharma del mese di febbraio prevede la continuazione degli insegnamenti su Shiné – l’Addestramento alla Calma Dimorante (13 e 27 febbraio), il Quarto Ritiro sul testo Gurupañcaśika di Aśvaghosa (21-22-23 febbraio) e una serata dedicata al Buddha Tara (20 febbraio).

Il 6 febbraio nel nostro Gompa sarà celebrato il Losar con lo svolgimento della Guru Puja e l’offerta dello Tsog; l’offerta è compiuta per soddisfare l’intero circolo dell’assemblea dei partecipanti: il Guru, tutti gli esseri santi, il sangha stesso e tutti gli esseri dei sei stati di esistenza, in particolare quelli che sono nelle condizioni di maggiore sofferenza. I partecipanti sono invitati a portare, se lo desiderano, cibi e bevande per lo Tsog.

in evidenza

Calendario Attività del mese, scaricabile in pdf.

Calendario astrologico tibetano del mese in corso, scaricabile in pdf


Attività del mese

Gurupañcaśika / I 50 versi di Devozione al Guru di Aśvaghosa: Quarto Ritiro

Aśvaghosa è un Maestro e poeta indiano vissuto nel 1º secolo d.C.; di famiglia brahmanica, si convertì al buddismo in seguito ad un “dibattito pubblico” con un Maestro buddhista.

È il rappresentante più antico del dramma classico indiano e autore, fra l’altro, del poema “Le gesta del Buddha” che è stato oggetto di approfonditi studi all’interno del nostro Centro.

Il terzo quarto è riservato a coloro che sono stati ammessi al primo e al secondo ritiro, che hanno avuto luogo nei mesi di novembre e dicembre e gennaio.
Calendario:
• ­ giovedì 21 Febbraio, ore 20:00
• ­ venerdì22 Febbraio, ore 20:00
• ­ sabato 23 Febbraio, ore 15:00

Shinè: addestramento alla calma dimorante
Mercoledì 13 – 27 Febbraio ore 20:00

Shinè in tibetano (o Samatha in sanscrito) significa calma dimorante, ossia pacificazione e calma mentale, e indica il potere concentrativo elevatissimo che permette di pacificare la mente e quindi di escludere tutte le afflizioni mentali di tipo perturbativo. Lhag.mthong in tibetano (pr. lakton) corrisponde invece alla visione profonda o penetrante, detta anche speciale.
Attraverso queste tipologie di insegnamento, trasmessi da Lama Dino Cianciub Ghialtzen, è quindi possibile diventare dei bravi meditatori e arrivare a focalizzare e controllare bene le proprie energie mentali per creare un percorso che fornisca il lasciapassare per entrare nella vera natura delle pratiche.
In un livello iniziale si impara a distinguere la differenza tra la quiete mentale e la visione profonda: questo è il primo punto fondamentale per diventare un bravo meditatore, perché fino a che non ci si rende capaci di avere un’esperienza dimorante e una visione profonda, ogni pratica eseguita sarà sempre mancante di qualche cosa.


Festeggiamento del Losar e Guru Puja: mercoledì 6 febbraio, ore 20:00

Secondo il calendario tibetano questo è l’anno 2146 del Maiale di Terra.
Ogni anno ha inizio con la Luna nuova di febbraio. Nei primi 15 giorni del mese, a partire dal 5 febbraio, viene celebrato il CIÖ TRHÜL DÜCEN che corrisponde ai giorni durante i quali, per far crescere il merito e la devozione dei suoi futuri discepoli, il Buddha compì ogni giorno un miracolo nuovo.
La serata si svolgerà con la pratica della Guru Puja.
La Guru Puja è un rituale di invocazione e di offerta per la pacificazione delle energie negative e delle emozioni. Tramite l’unione delle nostri menti con quella del Maestro incrementiamo tutte le qualità che conducono all’illuminazione e rigeneriamo le energie fisiche e mentali.

Pratica di Tara: mercoledì 20 febbraio, ore 20:00

La manifestazione di Tara è di saggezza, di amore, di compassione nei confronti di tutti gli esseri che vivono il samsara cioè la vita di tutti i giorni basata sull’ignoranza, sull’avversione e sull’attaccamento, i tre difetti principali della nostra mente. Esistono però degli antidoti a questi difetti e, se ci rendiamo conto che esistono e ne prendiamo atto, possiamo iniziare davvero un percorso di trasformazione interiore volto alla loro purificazione e Buddha Tara ci aiuta e ci sostiene proteggendoci principalmente da tutte le nostre paure e da tutti gli ostacoli, sia temporali sia spirituali, al sentiero interiore.

La motivazione dei Maestri, oltre che la condivisione di questa benefica pratica all’interno del nostro Sangha, è rendere l’esperienza della preziosa energia di Tara stabilmente connessa con l’energia del cuore e le sue preziose realizzazioni completamente integrate con la nostra mente.


Attività e Benessere

Reiki e Shiatsu NgalSo: Venerdì 8 Febbraio, ore 19:30

Reiki NgalSo-Metodo Pema®

Questo metodo, creato dalla Maestra Tina Pema De Khie La, nasce dall’unione tra il Reiki tradizionale (sistema Usui) e la pratica di Autoguarigione Tantrica NgalSo di Lama Gangchen Tulku Rinpoche, generando una tecnica di guarigione molto più completa basata sull’imposizione delle mani. Durante questa serata sarà possibile ricevere trattamenti dimostrativi e informazioni sulle modalità di partecipazione ai seminari formativi.

Shiatsu NgalSo & Mandala Touch®

Shiatsu NgalSo & Mandala Touch® è una nuova arte manipolatoria basata sul tocco che coniuga i principi dello Shiatsu tradizionale con gli aspetti della medicina tantrica tibetana.

In questa disciplina, che è in essenza un percorso meditativo, il terapeuta si pone in connessione con le energie sottili della persona trattata, ne percepisce i flussi dei canali energetici e le relative disarmonie e, tramite il tocco, riesce a “sintonizzarsi” con esse e a rivitalizzarle, in modo da suscitarne il riequilibrio.

Autoguarigione Tantrica NgalSo: mercoledì 13 e 27 Febbraio, ore 18:15

Studio della pratica di Autoguarigione NgalSo con spiegazioni dettagliate sulle diverse fasi della meditazione e sul significato dei Mantra e dei Mudra specifici. Si tratta di un incontro utile a chi si avvicina al Sentiero del Buddhadharma e vuole apprendere una pratica di base che potrà poi svolgere anche autonomamente per apportare benessere fisico e mentale a sé, agli altri e all’ambiente.
E’ inoltre un approfondimento per coloro che si sono accostati di recente alle attività di meditazione del Centro ed è un sistema molto valido anche per chi intendesse consolidare le basi della propria “tecnica” meditativa.


Canale YouTube


Parole di saggezza
  • Nella nostra epoca molti miti, credenze e valori che appartenevano al secolo passato si sono disgregati. Un pò per macro-eventi sociali quali la caduta del muro di Berlino, le crisi dei blocchi politico-militari, la fine della "guerra fredda", la conclusione dell'epoca piu cruenta del colonialismo che aveva portato le due guerre mondiali, un pò per la riconosciuta necessità da parte della gente di vivere in pace partendo dalla ricostruzione fisica di edifici sino a nuovi rapporti interpersonali. Questo  in europa, in Asia, negli Stati Uniti; Il vecchio establishment culturale e dirigenziale ha lasciato il posto a nuovi progetti, idee, culture.  Ma questo ha portato più pace e serenità, ha innalzato le qualità umane di amore, condivisione, reciprocità?  Proprio no!  Qualcosa sfugge oggi come ieri!   Anzi, oggi piu di ieri gli esseri si sentono inutili, depressi e frustrati pur avendo sul piano materiale più risorse. Penso che esista una chiave che possa aprire la porta giusta! Occorre solo determinarsi a identificare cos'è sofferenza, a non voler più soffrire, a produrre percorsi interiori di felicità, a generare insomma le buone qualità già presenti nella nostra mente. Può sembrare un'impresa difficile, ma da quando Lord Buddha ha indicato agli esseri il sentiero della Perfezione della mente, un numero incalcolabile di esseri ha reso la propria esistenza significativa.–Lama Dino Cian Ciub Ghialtzen

Dove siamo e come raggiungerci
Rimani aggiornato, seguici!